Migliori Siti
Stai visitando un sito presente nelle classifiche.
Alcune informazioni sul sito che stai visitando:
Punti: 0  Visite totali: 222   Giudizi: 0 
GIUDIZIO MEDIO: 0.00% su 100
Vota questo sito
Maggiori Dettagli su questo sito
Ritorna in Net-Parade
Prossimo sito
FAI SAPERE A TUTTI DI NET-PARADE
CLICCA SU

americalatinaoggi.blogspot.com


americalatinaoggi


L´America Latina non trova molto spazio sui media italiana. Questo blog cerca di colmare una piccola parte di questo vuoto, attraverso l´adattamento in italiano di notizie sulla politica e l´economia latinoamericane scovate su quotidiani stranieri, oltre, naturalmente, quando se ne presenterà l´occasione, non mancherò di citare e segnalare siti e articoli in lingua italiana di interesse.
Blog
dreamjuice
E' il blog americalatinaoggi.blogspot.com di dreamjuice. L'utente dreamjuice, blog americalatinaoggi.blogspot.com
America Latina Oggi America Latina Oggi America Latina Oggi L'America Latina non trova molto spazio sui media italiani. Questo blog cerca di colmare una piccola parte di questo vuoto, attraverso l'adattamento in italiano di notizie sulla politica e l'economia latinoamericane scovate su quotidiani stranieri. Naturalmente, non mancher di citare e segnalare siti e articoli in lingua italiana, quando se ne presenter l'occasione. Buona lettura! mercoled , marzo 26, 2008 Il primo 'cacerolazo' contro Cristina Cari lettori, sono sparito per un p di mesi, immerso nella scrittura della mia tesi. In questo momento mi trovo, da un paio di settimane, a Buenos Aires, proprio per svolgere delle ricerche che mi serviranno per il mio lavoro. Ieri sera mi sono trovato immerso nella Storia, mentre questa si svolgeva sotto i miei occhi. Il suono di pentole e trombette prima isolato, qua e l , poi sempre pi alto, fino a raggiungere i toni del frastuono, mi ha attirato in strada. Gente comune, spontaneamente, suonava, alcuni dai balconi di casa, la maggior parte scendendo per strada, lungo Avenida Santa Fe, che, correndo da Nord a Sud, conduce verso il centro pol tico della Capitale argentina. L'incessante suono ritmico del metallo, quasi angoscioso in certi momenti, per chi non conosceva del tutto le ragioni della protesta, occupava tutta la calda serata 'porte a' (cio di Buenos Aires). Le macchine che passavano negli incroci bloccati dalla folla suonavano i clacson in segno di condivisione, altrettanto facevano alt