Area Iscritti AREA ISCRITTI   Pagina Iniziale RENDI NET-PARADE LA TUA PAGINA INIZIALE
net parade
Net Parade
 
Net Parade
ClassificheIscrivitiArticoli e GuideRisorseRegolamentoSiti
URL:
 Di' che ti piace questo blog.
Mi piace
ANTEPRIMA SITO:
Anteprima lastregadellavita.blogspot.it
DESCRIZIONE:
Elisir di eterna giovinezza, dove sei'
ISCRITTO IN NET-PARADE DAL:
Venerdì, 6 Luglio 2012
NUMERO COMMENTI DEI VOTANTI IN ARCHIVIO: 0
 
 
COSA PENSANO DEL SITO I VOTANTI
GRAFICA: 0,00%
CONTENUTI: 0,00%
QUALITA': 0,00%
UTILITA': 0,00%
SIMPATIA: 0,00%
GIUDIZIO MEDIO:   Dato non ancora disponibile
 
VALORI RILEVATI DA NET-PARADE
QUALITA':  81,71%
POPOLARITA' NEI MOTORI DI RICERCA: 20%
 
RICONOSCIMENTI RICEVUTI:
 
 
Questo Blog Web è entrato nella classifica di Net-Parade
 
In evidenza e cliccabili i riconoscimenti ottenuti dal sito. Clicca per visualizzare il relativo certificato di attribuzione.
Per ulteriori informazioni relative agli award e a come un sito li può ottenere clicca qui
 
Di questo sito anche: Posizione e Voti  Regione votanti  Macchina del tempo  Resoconto qualità  Bacheca dei commenti
 
 
Elisir di eterna giovinezza, dove sei? LA STREGA DELLA VITA LA STREGA DELLA VITA skip to main skip to sidebar LA STREGA DELLA VITA marted 15 novembre 2011 Potr la poesia firmare un armistizio con la morte? Potr intenerire il barcaiolo? Oppure come l'ombra che muore a mezzogiorno, con il sole alla zenit e il freddo nelle ossa? Anche i poeti muoiono. Nessuno mai risorto al terzo giorno. Mi sembra di vederli, poverini, il visino schiacciato sopra i vetri di un passato remoto. La poesia il sogno di un angelo di luce prigioniero del violino di un vecchio suonatore. E' Dio il Salvatore. Pubblicato da LA STREGA DELLA VITA a marted , novembre 15, 2011 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest sabato 12 novembre 2011 LA CAMICIA MIRACOLOSA Piangevo. E la fata del mattino che volteggiava come una farfalla sul calice di un fiore, mi regal un gomitolo di sole. Invocai la speranza e la pregai di mettersi al lavoro: ' Da te voglio un tessuto che resista anche agli strappi della malasorte. E voglio che risplenda come il giorno!..' Poi, lo portai al sarto del dolore che mi confezion una camicia d'oro. Pubblicato da LA STREGA DELLA VITA a sabato, novembre 12, 2011 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest mercoled 9 novembre 2011 IL FRUTTO MATURO Tu pensi che la morte simile sia a un frutto di stagione che matura nel tempo. E, invece, matura all'improvviso, senza alcun preavviso, per la mano che vie
Copyright 2000-2017 Net-Parade.it -    Iscrivi il tuo sito internet, blog o forum